Il rapido impoverimento della musica

La musica come accompagnamento de gesti quotidiani della gente
Rispondi
Avatar utente
Marco Muttinelli
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 3279
Iscritto il: 12/04/2019, 10:39
Thanks dati: 494
Thanks ricevuti: 419

Il rapido impoverimento della musica

Messaggio da Marco Muttinelli »

Sembrano passati secoli tra un brano e l'altro, invece solo pochi anni se rapportati anche solo al breve periodo in cui la musica è divenuta fenomeno di massa. Sono due brani che descrivono la donna e l'universo di sentimenti (nel primo caso) e la bassezza di istinti (nel secondo) che la figura femminile scatena in noi. Ancora di più, sono indicativi di un modo di vedere l'universo femminile e di rapportavisi negli anni '70 ed ai giorni d'oggi.
Se poi al confronto (brutale) tra i due testi aggiungiamo anche l'aspetto musicale dei due brani la preoccupazione per dove sta andando il mondo contemporaneo diviene oltremodo gigantesca.
Lascio a voi tratte le conclusioni...
Per me: Benvenuti nel disagio del XXI secolo!

Angelo Branduardi “Donna ti voglio cantare”
Donna ti voglio cantare
donna la madre, donna la fine
donna sei roccia, donna sei sabbia
e a volte nuvola sei...
Donna sei acqua e sei fiamma
donna paura, donna allegria
donna saggezza, donna follia
e a volte nuvola sei...
Donna, donna sei l'ombra
donna sei nebbia, donna sei l'alba
donna, donna di pietra
a volte nuvola sei...
Donna, donna l'amica
donna sei nave, donna sei terra
donna, donna sei l'aria
e a volte nuvola sei...
Donna sei sete e vendemmia
donna sei polvere, donna sei pioggia
donna saggezza, donna follia
a volte nuovia sei...
Donna ti voglio cantare
donna sei luce, donna sei cenere
donna sei ansia, donna sei danza
e a volte nuvola sei...
Donna, donna sorgente
Donna sei erba, donna sei foglia.
donna, donna sei pietra
e a volte nuvola sei...
Coez “La musica non c’è”
Volevo dirti tante cose, ma non so da dove iniziare.
Ti vorrei viziare.
Farti scivolare addosso questo mondo infame

Mettermi fra te e cento lame mentre cerco il mare
Penso non avrebbe senso fare un tuffo immenso se non ci sei tu a nuotare.
E tu che sai colmare
E tu che sai calmare

C'è troppa luce dentro la stanza
Questo caldo che avanza e io non dormirò.
E scusa se non parlo abbastanza ma ho una scuola di danza nello stomaco.
E balla senza musica con te
Sei bella che la musica non c'è.

Vorrei farti cento cose ma non so da dove iniziare
Ti vorrei iniziare
bella che non ti va di ballare, ma bella che se balli le altre ti guardano male. Che c'hai sempre qualcosa da insegnare
Mi metti in crisi e in questo testo non ti riesco a disegnare.
Vorrei portarti al mare, anzi portarti il mare.

C'è troppa luce dentro la stanza
Questo caldo che avanza e io non dormirò.
E scusa se non parlo abbastanza ma ho una scuola di danza nello stomaco.
E balla senza musica, con te.
Sei bella che la musica non c'è

E in fondo tutto quello che volevo, lo volevo con te.
E sembra stupido ma ci credevo e ci credevi anche te.
E non è facile trovarsi mai
Oh mai, oh mai
E tu mi dici "meglio se ora vai, ormai è tardi".

C'è troppa luce dentro la stanza
Questo caldo che avanza e io non dormirò.
E scusa se non parlo abbastanza ma ho una scuola di danza nello stomaco
E balla senza musica con te
Sei bella che la musica non c'è

Sei bella che la musica non c'è
Sei bella che la musica non c'è
Sei bella che la musica non c'è
Sei bella che la musica non c'è




Taci, maladetto lupo;
consuma dentro te con la tua rabbia.
Non è sanza cagion l'andare al cupo:
vuolsi ne l'alto, là dove Michele
fé la vendetta del superbo strupo.



The SPECIA-List
38A Victor 1937; 12B Coprion 1940; 22B New York Symphony 1940

CN: Perfected Connqueror 1906; 82A Victor 1925; 80A Victor 1941; 37A Connstellation 1961
TP: 8B Artist 1965; 60B SuperConnstellation 1968; 77B Connquest 1968; 15B Director 1970

Out of CONN:
Buescher The 400 T225 1937 e Super 400 C260 1957; F.E. Olds Super 1951


Imboccature: Conn e Denis Wick
strumenti e bocchini vintage disponibili per informazioni scrivere a: c.g.conn.expert@gmail.com
Navarro
Member
Member
Messaggi: 417
Iscritto il: 26/11/2016, 18:48
Thanks dati: 6
Thanks ricevuti: 79

Re: Il rapido impoverimento della musica

Messaggio da Navarro »

Sono sostanzialmente daccordo con te, mi permetto solo un piccolo inciso: Branduardi, che io amo moltissimo, non è secondo me rappresentativo del mondo reale degli anni '70, rifacendosi spesso, nelle musica e nella prosa, ad esempi più antichi. Tanti brani raccontano di leggende senza tempo o di amori fantastici. Per capire quello che era il pensiero dell'epoca attraverso le canzoni dovremmo analizzare più altri autori: Dalla, De Gregori, Guccini, Venditti, restando sui cantautori "classici". Ma c'erano anche la realtà ed i sentimenti cantati da Baglioni o da Renato Zero, da Cocciante o dai Cugini di Campagna. Rileggendoli oggi alcuni di essi ci sembreranno ancora attuali e "profondi", altri inevitabilmente superati.
Bach 37 reverse + Giardinelli 7S
Yamaha YFH 631 + Giardinelli 7FL
muggsy
Member
Member
Messaggi: 107
Iscritto il: 06/05/2018, 9:57
Thanks dati: 52
Thanks ricevuti: 21

Re: Il rapido impoverimento della musica

Messaggio da muggsy »

sicuramente le canzoni attingono alla società dell epoca in cui sono scritte,ecco perche magari autori come Dalla (che adoro) o Baglioni o De Gregori sono ,secondo me ovvio,pieni di significato vero,di testi pensati e poi musicalmente scritti( o veceversa a seconda dell autore)perche la società erapiu coesa,piu partecipata e propensa al positivo.
Oggi che abbiamo la maggior parte di ragazzi che abbandona la scuola( non volevo credere a i dati pazzesco nel 2023),dove la società non apporta valori positivi,dove non c è coesione e dove lo stato latita su cultura scolastica e altre mille voci, penso che il riflesso del brano inserito da Marco sia piu che coerente alla scena di vita attuale.
Smile .. : Chessygrin : and play long note and scales,scales,scales. : CoolGun :
trombe benge anniversay-CONN 36 B-holton 48-Conn 22b Victor 1956
mounthpiece schilke 13b- Frate 3 HS 106 -Frate 4 HS 106- Monette B4LS1-EZ TONE.USA
Connesso
Avatar utente
Matteo Giannini
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 853
Iscritto il: 18/01/2020, 17:47
Thanks dati: 315
Thanks ricevuti: 132

Re: Il rapido impoverimento della musica

Messaggio da Matteo Giannini »

Mah, non penso che la musica pop sia più mpoveta di prima perché specchio della società. Lo è perché è il risultato del marketing. Di robe tipo X-Factor dove chi suona non da nulla di musica. Qualcuno potrebbe dire ma manco i Beatles o i Rolling Stones...
(Capo Oro) vecchio suonatore in erba.
Strumenti:
BrassOn '18
Conn: 12B Coprion '53;12A Coprion '53; 22B Victor '57; 6b late '65
Eastar etr330 Pocket
Mp:Gewa 3c e Shilke16b4 pranizzati da Stefano
Conn 7B-N; Conn4 imp.precision; Shires 1.5c; Bach 7c corp; Getzen 7c;
Posseduti: ytr1320s; ytr4335g; YTR 634 '75; 18B Coprion '55; 18A Coprion '56; Mahllion Bruxelles 671 '45
Avatar utente
Marco Muttinelli
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 3279
Iscritto il: 12/04/2019, 10:39
Thanks dati: 494
Thanks ricevuti: 419

Re: Il rapido impoverimento della musica

Messaggio da Marco Muttinelli »

Navarro ha scritto: 29/11/2023, 21:03 Sono sostanzialmente daccordo con te, mi permetto solo un piccolo inciso: Branduardi, che io amo moltissimo, non è secondo me rappresentativo del mondo reale degli anni '70, rifacendosi spesso, nelle musica e nella prosa, ad esempi più antichi. Tanti brani raccontano di leggende senza tempo o di amori fantastici. Per capire quello che era il pensiero dell'epoca attraverso le canzoni dovremmo analizzare più altri autori: Dalla, De Gregori, Guccini, Venditti, restando sui cantautori "classici". Ma c'erano anche la realtà ed i sentimenti cantati da Baglioni o da Renato Zero, da Cocciante o dai Cugini di Campagna. Rileggendoli oggi alcuni di essi ci sembreranno ancora attuali e "profondi", altri inevitabilmente superati.
Certamente Branduardi era una sorta di "mosca bianca" ma era comunque una figura di spicco e soprattutto negli anni '70 c'era spazio anche per artisti come lui, cosa che ai giorni d'oggi non sarebbe possibile. Erano epoche dove, per lo meno mi sembra, c'ear molta più varietà, molta più libertà espressiva e creatività. C'erano forse anche più contraddizioni ma anche quelle hanno il loro fascino : Wink :
Taci, maladetto lupo;
consuma dentro te con la tua rabbia.
Non è sanza cagion l'andare al cupo:
vuolsi ne l'alto, là dove Michele
fé la vendetta del superbo strupo.



The SPECIA-List
38A Victor 1937; 12B Coprion 1940; 22B New York Symphony 1940

CN: Perfected Connqueror 1906; 82A Victor 1925; 80A Victor 1941; 37A Connstellation 1961
TP: 8B Artist 1965; 60B SuperConnstellation 1968; 77B Connquest 1968; 15B Director 1970

Out of CONN:
Buescher The 400 T225 1937 e Super 400 C260 1957; F.E. Olds Super 1951


Imboccature: Conn e Denis Wick
strumenti e bocchini vintage disponibili per informazioni scrivere a: c.g.conn.expert@gmail.com
Navarro
Member
Member
Messaggi: 417
Iscritto il: 26/11/2016, 18:48
Thanks dati: 6
Thanks ricevuti: 79

Re: Il rapido impoverimento della musica

Messaggio da Navarro »

Marco Muttinelli ha scritto: 29/11/2023, 22:53 ... negli anni '70 c'era spazio anche per artisti come lui, cosa che ai giorni d'oggi non sarebbe possibile...
Su questo non ci piove.
Bach 37 reverse + Giardinelli 7S
Yamaha YFH 631 + Giardinelli 7FL
Rispondi