Analisi rapporto melodia armonia

Metodi, scale, arpeggi, swing, tutto sulle tecniche di improvvisazione

Moderatori: Michele Lupi, stefano bartoli, Capo_oro, Marco Muttinelli

Avatar utente

Autore dell’argomento
Marco Muttinelli
Mod
Mod
Messaggi: 1205
Thanks dati: 275
Thanks ricevuti: 181

Analisi rapporto melodia armonia

Messaggioda Marco Muttinelli » 08/04/2021, 19:32

In questa clip Stefano analizza Journey to Recife di Bill Evans. Buon ascolto.

Journey_to_Recife.png


phpBB [video]


C.G. Conn Tp: 22B New York Symphony Special 1940; 6B Victor 1968
Mp: C.G. Conn Connstellation 7BN e Precision 4; Bach 5C Stefanopranizzato e 2C Megatone

Fl: Couesnon Monopole ?
Mp: Denis Wick 4FL

Past C.G. Conn Tp: 12B Coprion 1953; 10B Victor 1960; 8B Artist 1964; 38B Connstellation 1968

Avatar utente

stefano bartoli
Mod
Mod
Messaggi: 2442
Thanks ricevuti: 440

Re: Analisi rapporto melodia armonia

Messaggioda stefano bartoli » 08/04/2021, 20:21

Allego alcune piccole correzioni e precisazioni dovute alla fretta nel commentare e me ne scuso.
Va tenuto presente che non conosco il brano e che potrei cadere nel tranello tipico ahimè del Real Book il quale contiene spessissimo errori di trascrizione o della melodia o più spesso degli accordi.

1) Battuta 8 chiamo tonica la nota C che invece è la 5a giusta di F7
2) Battuta 11 quel A naturale su Eb7 può essere un errore di trascrizione nella melodia o nel dettaglio dell'accordo che allora dovrebbe essere Eb7#11 oppure Eb7b5 il che ci porterebbe però su due scale diverse dalla pentatonica e cioè una dominante lidia o nel secondo caso, una esatonale.
3) Battuta 14 troviamo due forti tensioni, troppe nella stessa battuta penso. La prima è rappresentata dal E sul B° e la seconda dal E naturale su Bb7 forse errori di trascrizione, forse due “licenze” cromatiche o forse quel Bb7 dovrebbe essere un Bb7b5 che ci riporterebbe ad una scala esatonale.
4) Battuta 15 chiamo per un errore (Froidiano?) le due note Ab e Bb Ab7 e Bb7 come fossero accordi...
5) Battuta 16 di A2 troviamo un B ed un Eb sull'accordo di D7 di nuovo quindi una 6a maggiore su un accordo dominante ed una 9a bemolle due sviste, due errori come detto sopra per altre situazioni simili (D7b9?) La stranezza prosegue al cambiare dell'accordo, dove su un F#7 troviamo un Eb ed un C naturale, rispettivamente 7a diminuita e 5a diminuita, anche qui si aprono varie ipotesi come sopra detto che un pianista in gamba risolverebbe al volo trovando la soluzione più “logica”
6) Infine la struttura presenta una A2 più lunga di due battute, rendendo la quadratura particolare, un po come le 10 battute di Blue in Green ed altri brani.


Benvenuti nel disagio

Avatar utente

stefano bartoli
Mod
Mod
Messaggi: 2442
Thanks ricevuti: 440

Re: Analisi rapporto melodia armonia

Messaggioda stefano bartoli » 09/04/2021, 12:00

Aggiungo, anche per stimolare,che questa è l'analisi melodica di un brano facile, che non è un'analisi "profonda" ma atta almeno a poterci improvvisare sopra con una cognizione almeno minima, che ogni brano e di conseguenza, ogni progressione accordale può avere anche altre vie dal momento che nemmeno l'armonia è scienza perfetta ma suscettibile talvolta di interpretazioni.
Aggiungo anche che questa struttura stessa, pur semplice, presenterebbe possibilità ulteriori di analisi, ad esempio cercando dominanti secondarie, rivolti possibili di alcuni accordi, aggiunta o sostituzioni di bassi, sostituzioni di tritono e questo senza considerare cromatismi possibili e/o varianti ritmiche.
Sostituendo qualche accordo o alterandolo, certe progressioni potrebbero venire cambiate, i centri tonali fatti atterrare da altre parti.
Insomma, ogni brano presenta tante possibili variabili in ogni sua parte: melodica, armonica, dinamica, ritmica.
Un esempio è ben rappresentato da quei due accordi in più che Evans piazza verso la fine di A2 mentre avrebbe potuto benissimo limitarsi ad una struttura AA da 16 battute...
L'invito è anche quello di allenarsi ad analizzare anche altri brani, soprattutto farlo prima di suonarli, si da averne diversa coscienza.


Benvenuti nel disagio



Torna a “TECNICHE DI IMPROVVISAZIONE”

Chi c’è in linea

Nessun utente e 9 ospiti